Fiera Roma
Autunno 2023

A@W Newsletter

L’evoluzione della casa di balle di paglia

20 settembre 2022

Rinomata per il suo approccio sostenibile alla progettazione, l'architetta Sarah Wigglesworth ha recentemente apportato delle modifiche alla Straw Bale House.

 


Lo spazio luminoso e arioso beneficia di un'abbondanza di vetrate, che si affacciano su aree piantumate.

 

Stock Orchard Street o Straw Bale House, come viene comunemente chiamata, la casa dell'architetto Sarah Wigglesworth e del suo partner Jeremy Till, è stata costruita oltre vent'anni fa. Si tratta di un progetto significativo nel portfolio di Sarah Wigglesworth Architects, che nell'ultimo quarto di secolo ha lavorato molto sulla creazione di progetti incentrati sulle persone, tra cui edifici culturali, uffici, abitazioni private e sociali, strutture per lo sport e l'istruzione.

 


L'adeguamento della casa ha permesso di ridurre le emissioni di CO2 del 62% e di limitare in modo significativo l’infiltrazione incontrollata dell'aria.

 

All'inizio degli anni Duemila, la Straw Bale House era un progetto innovativo, pensato non solo come spazio domestico ma anche come ufficio. Mentre la maggior parte di noi ha dovuto adattarsi bruscamente alla giustapposizione di lavorare e vivere nello stesso ambiente la scorsa primavera, i proprietari di questa casa hanno precorso i tempi. L’edificio funge anche da progetto di ricerca in corso, utilizzando materiali come sacchi di sabbia per le pareti, rivestimenti in tessuto e, come suggerisce il nome colloquiale, balle di paglia per l’isolamento. Nel 2015, l'Architects’ Journal del Regno Unito la definì "la casa più influente di una generazione". Descrivendo il progetto, la stessa Wigglesworth ha affermato: "Ho sempre visto questo edificio come un gioco per noi architetti; l'abbiamo costruito aspettandoci di lavorarci e svilupparlo in continuazione".

 


La Straw Bale House serve anche come banco di prova per idee su un’abitare ecologico.

 

Il progetto originale ha utilizzato i principi della progettazione passiva per creare un ambiente di vita/lavoro confortevole e a basso consumo energetico. La torre della biblioteca dell’edificio è anche un pozzo di ventilazione, che porta molto fresco in estate, mentre le piante mantengono poco esposte le pareti vetrate rivolte a sud nei mesi più caldi, ma lasciano entrare il sole in inverno. La fase successiva di questa casa ecologica ha visto lo smantellamento di gran parte degli interni prima di rimetterli insieme con risultati impressionanti: le emissioni di CO2 sono state ridotte di quasi due terzi.

 

Per raggiungere questo obiettivo, Wigglesworth ha incaricato la società di consulenza ambientale Enhabit di esaminare le prestazioni dell'edificio in termini di efficienza dei tessuti e di fabbisogno energetico. L'aumento della resistenza all'aria è stato ottenuto installando nastri di tenuta alle giunzioni pavimento-parete e intorno ai servizi in entrata, mentre le infiltrazioni d'aria incontrollate sono state sostanzialmente ridotte. Sono stati sostituiti elementi come lucernari e finestre che non funzionavano a dovere e sono state potenziate le unità di ventilazione. Per ridurre l'abbagliamento e il surriscaldamento, è stata incorporata un'ombreggiatura esterna sul prospetto sud-ovest della casa.

 


Nell'ambito della progettazione di un'abitazione successiva, un ripostiglio è stato convertito in cucina.

 

Altri elementi di questa ristrutturazione hanno tenuto conto delle esigenze dei proprietari che invecchiano. Un ripostiglio al piano terra è stato trasformato in una cucina separata che, insieme a una camera da letto e a un bagno autonomi, potrebbe fornire una suite privata per un assistente in caso di necessità futura. Nel bagno è stata installata una doccia ad accesso facilitato e dei corrimano per la vasca. Sono stati inoltre aggiunti corrimano alle scale e alla balaustra del ponte per agevolare la mobilità e, se negli anni a venire dovesse essere necessario un ascensore, è già stato individuato un vano adatto all'interno della casa.

 

Le modifiche apportate alla Straw Bale House assicurano ai suoi inquilini di poter godere del loro spazio ancora a lungo.

 

Traduzione da un articolo di Helen Parton

 

Tutte le foto © Ivan Jones

L’evoluzione della casa di balle di paglia
Torna alla panoramica

A@W Newsletter

Rimani informato sul mondo dell’architettura e del design con la nostra Newsletter mensile!

>> Abbonati

Sei interessato alla visibilità nella nostra newsletter?

>> Richiedi informazioni!

Partner Media

Con il patrocinio di

Media

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Design & Plan